Città di CATANZARO

Capoluogo della Regione Calabria

URP

Via Jannoni tel. 0961 881398 numero verde 800574323
fax 0961 881398
e-mail: urp@comunecz.it
PEC: urpcz@certificata.comune.catanzaro.it
Orario di apertura: da lunedì a venerdì dalle 9,30 alle 13,00
lunedì e Mercoledì pomeriggio dalle 15,30 alle 17,00

Il Comune
    Palazzo De Nobili via Iannoni, 68
    88100 CATANZARO
    P. Iva 00129520797

10 Ottobre 2017 - Nuovo contratto adesione a canone concordato, incontro tra Comune e sindacati di categoria

L’amministrazione comunale e le organizzazioni sindacali dei proprietari edilizi e dei conduttori hanno proseguito i lavori finalizzati a raggiungere l’intesa sul nuovo contratto di locazione concordata degli immobili ad uso abitativo. L’accordo, di cui si è cominciato a discutere a maggio, dovrà essere sottoscritto entro il 2018.

Presieduto dall’assessore agli affari generali Danilo Russo, l’incontro si è tenuto a Palazzo De Nobili alla presenza dei responsabili territoriali o loro delegati di Uppi, Eugenio Fregola, Federproprietà, Tommasina Lucchetti, Daniela Gentile e Sebastiano Mancuso, Ania, Giuseppe Cavaliere, Confedilizia, Antonio Abate, Sicet, Raffaele Rotundo, Sunia Calabria, Antonio Spataro, Asppi, Dario Fabiano. Ad affiancare il delegato della giunta Abramo, i funzionari comunali Giuseppe Arnò, Domenico Rocca e Rosalba Chirillo.

L’amministrazione si è impegnata a valutare l’impatto che potrebbe avere sul Bilancio comunale l’abbattimento, richiesto dalle associazioni di categoria, dell’aliquota Imu per i soggetti aderenti al nuovo contratto di locazione.

Le parti hanno convenuto di aggiornarsi con nuovi incontri sul tema subito dopo le verifiche dell’amministrazione sui costi dell’eventuale abbattimento dell’aliquota Imu e della sua relativa incidenza sul Bilancio.

Al termine della riunione l’assessore Russo ha invitato i sindacati a sottoscrivere il contratto nel minor tempo possibile: “Per proprietari, locatari e per il Comune stesso, è un’opportunità da non lasciarsi sfuggire – ha affermato -. In questo modo si potrebbero individuare nuovi contratti di locazione a canone concordato annullando, o comunque riducendo in maniera netta, la presenza di contratti in nero che, ad oggi, penalizzano l’ente pubblico, i proprietari e gli affittuari”.