FOCUS/ Catanzaro in rilevazione Istat prezzi al consumo

 I vertici dell’Istat hanno ufficialmente illustrato alla stampa i primi dati provvisori dell’inflazione rilevati dall’ufficio di Statistica di palazzo de Nobili  

 

 

Catanzaro è tra i Comuni italiani capoluogo di regione che avvierà la diffusione diretta degli indici dei prezzi al consumo riferiti al proprio territorio, secondo il calendario stabilito dall’Istat. Nei giorni scorsi i vertici dell’Istat hanno ufficialmente illustrato alla stampa i primi dati provvisori dell’inflazione rilevati dall’ufficio di Statistica di palazzo de Nobili.
All’incontro erano presenti il capo di gabinetto Antonio Viapiana, che ha portato il saluto del sindaco Abramo, fuori sede per coincidenti impegni istituzionali, l’assessore ai servizi demografici, Rita Cavallaro, il dirigente del settore, Giuseppina Casalinuovo,il responsabile dell’ufficio Statistica Sergio Viapiana e la referente del servizio rilevazione prezzi, Francesca Fera. L’Istat era rappresentata dal dirigente del servizio al consumo, Federico Polidoro, da Rosabel Ricci, responsabile dell’u. o. rilevazione territoriale prezzi al consumo e da Pasquale Binetti, responsabile ufficio territoriale per la Calabria. Nel corso dell’incontro con i giornalisti sono stati sciolinati una serie di dati e la metodologia di rilevazione dei prezzi su base comunale che da oggi contribuiranno a determinare l’indice di inflazione a livello nazionale. Per il mese di febbraio l’indice complessivo della città è pari a 106,7 con una variazione tendenziale del +0,4%, mentre non si evidenzia alcuna variazione congiunturale.
I dati devono essere considerati provvisori in attesa della diffusione dei dati definitivi da parte dell’Istat.
L’analisi generale delle divisioni di spesa a livello congiunturale mostra aumenti più marcati per i Servizi ricettivi e di ristorazione e gli Altri beni e servizi (per entrambi +0,4%) e per l’Abitazione, acqua, energia elettrica, gas e altri (+0,3%); le diminuzioni più rilevanti si registrano nelle Comunicazioni (-0,8%), nei Trasporti (-0,4%), nei Mobili, articoli e servizi per la casa e Ricreazione, spettacoli e cultura (per entrambi -0,2%); rimane invariato l’indice per le divisioni dei Prodotti alimentari e bevande analcoliche, delle Bevande alcoliche e tabacchi, dei Servizi sanitari e spese per la salute e dell’Istruzione.
Per la rivelazione sono stati presi in considerazione i prodotti ad alta frequenza di acquisto, i prodotti a media frequenza di acquisto, i prodotti a bassa frequenza di acquisto, la variazione congiunturale e la variazione tendenziale.

Clicca qui per visualizzare l’anticipazione del mese di febbraio 2014 – Indice dei prezzi al consumo per l’intera collettività.

torna all'inizio del contenuto

Comune di Catanzaro

torna all'inizio del contenuto